“La storia di Primavera, la bimba del domani ” di 4tu©

Testo, parole e musica: 4tu© cerca 4tu su youtube, facebook, instagram, twitter, spotify

”….lei si avvicinò piano e appoggiò dolcemente sulle sue labbra un sospiro…lui lo prese e da allora quello divenne il suo respiro…”

“C’era una volta un regno ai confini del mondo dove la vita scorreva tranquilla e placida grazie a re Autunno un sovrano mite e buono che vestiva sempre con un lungo mantello color rossastro e un morbido cappello giallo che gli copriva parte del volto…era un re forse un po’ troppo nostalgico che viveva in attesa del tramonto e di quel vento tiepido che ogni qual volta arrivava portava i silenzi mancanti di un ricordo.. ma questo è un altro racconto…suo figlio, il principe inverno, invece era l’opposto… rigido,scontroso, amava il freddo, la pioggia battente, il ghiaccio e il gelo..odiava tutto ciò che era colorato…lui voleva un mondo in bianco e nero…e aspettava impazientemente il giorno in cui si sarebbe seduto sul trono per portare a compimento questo suo piano……e putroppo non aspettò molto… il re infatti era vecchio e verso la fine di un dicembre particolarmente spento quando anche l’ultima foglia cadde dagli alberi Autunno chiuse per sempre gli occhi….E fu così che scese la notte a coprire le impronte di tutti i tramonti ..una notte lunga, una notte che sembrava eterna, una notte senza titoli di coda perchè Inverno appena prese il potere come prima cosa mandò in esilio il sole e rinchiuse la luna in un angolo del cielo in modo che non se ne potesse più andare …poi vietò tutti i colori e odiando anche ogni forma di calore mise al bando la cosa che più scaldava le persone…l’amore…quindi basta baci, basta carezze, basta brividi sotto pelle basta sospiri e tenerezze…L’affetto divenne proibito…ma quel mondo andava pur popolato e per fare questo il re sceglieva a caso tra uomini e donne, si divertiva a fare un assurdo gioco delle coppie come se ogni bimbo nato dovesse essere figlio unicamente della sorte…..e se invece era frutto di un sentimento?..questo si chiedeva Cleo mentre si accarezzava dolcemente il grembo….la risposta la sapeva già…ma pensava ad altro..pensava a quando aveva visto per la prima volta marco..era ai bordi di un campo fermo a fissare un punto in alto, e guardava a destra e a manca sbuffando..sembrava un matto.. all’improvviso si girò come se si sentisse spiato, la vide e disse.. “beh…vuoi stare lì ferma o vuoi darmi una mano a ritrovare i nostri sognì che si son persi da qualche parte nel cielo?”….lei si avvicinò piano e appoggiò dolcemente sulle sue labbra un sospiro…lui lo prese e da allora quello divenne il suo respiro…passarono mesi a cercarli e a cercarsi,a confondersi tra la gente per poi sfiorarsi, ad aspettarsi per poi baciarsi con gli sguardi, a immaginarsi, a conservare gelosamente attimi di gioia che servivano poi per asciugare i pianti..…a crederci e credersi più forti di chi non li voleva innamorati …e quel sogno alla fine lo travarono…aveva il suono di un piccolo battito che cominciava a farsi sentire, un toc toc fatto alle porte della vita in attesa di entrare..… e mentre cleo era ancora assorta nei suoi pensieri Marco ascoltava da una posizione previlegiata il rumore che fa la felicità quando sta per arrivare…finchè…è una bimba disse sottovoce…è una bimba ripetè con tutto il fiato che aveva dentro..cleo si destò dai suoi silenzi e con un tono tra lo stupito e il divertito gli chiese da cosa l’avesse capito..ma lui ormai era in un altro posto, oltre le nuvole, oltre tutto….del resto non puoi fermare l’entusiasmo di un futuro papà quando comincia a immaginarsi la figlia che verrà… ………e continuò così a parlare..….lei sarà la prima vera storia di un mondo che ritroverà la voglia di sognare..la prima vera goccia di libertà che riuscirà a dissetare chi non si sa accontentare…la prima vera sensazione che qualcosa possa finalmente cambiare…la prima vera emozione nata da un amore e libera di amare…lei sarà primavera lei avrà questo nome..disse Marco con una tale convinzione che quelle parole divennero per cleo un fuoco che cominciò a bruciare tutte le sue paure……con lui al suo fianco avrebbe superato ogni sfida…ora ne era sicura…si abbracciarono e i loro corpi si bagnarono..erano le lacrime di una luna che quella notte brillò come non aveva mai fatto prima…mentre il sole da lontano fece arrivare un raggio come a dire….ci sono anch’io se avete bisogno……La bimba nacque in un giorno insolitamente caldo verso la fine di marzo..e fu la prima vera scintilla di un domani diverso……..”

la storia di primavera, la bimba del domani

la storia di primavera, la bimba del domani

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...